Passa ai contenuti principali

Casa-studio Cedro

L’appartamento è in cima ad un edificio in tufo del 1600, nei Quartieri Spagnoli di Napoli. All’acquisto si presentava come un grezzo composto da due volumi in muratura portante: il volume d’ingresso, vagamente triangolare, esposto a nord e un secondo volume rettangolare a doppia altezza esposto a sud-est, con molte aperture (di cui una a tutta altezza) e un terrazzo che si sviluppa per tutta la sua lunghezza. Si è scelto di concentrare la zona giorno in questo secondo volume in modo da sfruttare al massimo la luce, le grandi aperture e il terrazzo. Per contro, dall'ingresso si è creato un corridoio che è stato reso uno spazio aperto, arioso e luminoso. Dall’ingresso, il lato destro (quello cieco), è stato arricchito con volumi che contengono cappottiera, cabina armadio, ripostiglio e ampliamento del primo bagno. Sul lato sinistro, le due camere da letto e il secondo bagno: le due stanze, pur avendo uno spazio ben delineato, sono completamente aperte sul corridoio, ma conservano la possibilità di chiuderle in futuro con pareti in ferro e vetro, in modo da mantenere l’idea di un corridoio aperto e luminoso. Alcuni elementi preesistenti sono stati riutilizzati con una nuova funzione: una delle vecchie finestre in legno di castagno è stata utilizzata come porta della cappottiera all’ingresso; le piastrelle che rivestivano parte del pavimento all’ingresso, sono il nuovo rivestimento nel bagno in camera. Scelta accurata dei materiali di finitura: infissi in alluminio scuro profilo ferro di Metra, soglie e gradini in pietra lavica napoletana, parquet prefinito in multistrato Woodco. Bagni rivestiti con piastrelle in gres Mutina e cementine esagonali Mosaic del sur.

Casa studio Cedro